COVID-19: i musei sono chiusi. Stay safe art will be back!

%image%

La Lezione di Raffaello. Le antichità romane

L’esposizione “La Lezione di Raffaello. Le antichità romane” presenterà attraverso dipinti, incisioni, libri e disegni alcuni contenuti della lettera scritta dall’Urbinate a papa Leone X nel 1519: parole che hanno originato un nuovo sguardo sugli antichi reperti e provocato una rivoluzione umanistica e scientifica.

La mostra curata da Ilaria Sgarbozza vuole essere un contributo alla storia dell’eredità culturale del grande artista e, insieme, della Via Appia.

La rassegna si articolerà intorno a due focus. Il primo è la fortuna della Lettera, la quale rivive nella storiografia, nella letteratura, nella produzione figurativa del XIX secolo, divenendo un testo di riferimento per le politiche di tutela delle nazioni europee. Il secondo è l’attività di rilievo e catalogazione dei monumenti antichi svolta dal maestro e dai suoi discepoli, in particolare da Pirro Ligorio. Quest’ultimo, architetto e studioso napoletano, è stato un fondamentale interprete della lezione raffaellesca e ha tradotto in disegni architettonici e appunti grafici i sepolcri antichi collocati lungo la regina viarum e la via Latina.

A partire dal celebre scritto – riprodotto su uno schermo che ne consentirà lo sfoglio e l’ascolto – le opere in mostra racconteranno la consacrazione internazionale di Raffaello come padre della moderna cultura della tutela del patrimonio monumentale, archeologico e artistico.

L’esposizione sarà ospitata all’interno della villa acquistata dallo Stato nel 2002 nel Complesso di Capo di Bove dov’è un’area archeologica significativa con un impianto termale databile alla seconda metà del II sec. d.C.

Categoria:
Documentaria
Tag:
Raffaello Sanzio / Raffaello

Altre mostre