COVID-19: i musei stanno riaprendo! Info in aggiornamento

%image%

My life as yours

La giovanissima artista Federica Di Pietrantonio presso The Gallery Apart, nella straordinaria fase che stiamo attraversando, con my life as yours ci propone una visione incredibilmente connessa ai mutamenti in corso, come spesso accade ai ventenni.

La materia prima che Federica maneggia con la perizia che discende dalla cognizione di causa è quel grumo di sentimenti (frustrazione, malinconia, tristezza, solitudine) che l’artista cerca con veemenza di allontanare da sé saccheggiando quell’universo di simulazione che è la realtà virtuale delle piattaforme social e dei videogiochi. L’antidoto che l’umanità inocula nella società è la collettivizzazione della privacy, un’operazione ossimorica finalizzata a rendere pubblico lo spazio privato; un atteggiamento che Federica interpreta non attraverso meccanismi voyeuristici o, peggio, narcisistici e comunque autoreferenziali, bensì mediante l’emersione di una traccia narrativa che rende le storie un mezzo e non il fine, un prodotto che cristallizza le esperienze e non un racconto che si nutre di sé.

Ecco perché le storie di Federica nascono da piattaforme e da esperienze virtuali, ecco perché c’è quasi sempre un avatar di mezzo. Che si tratti di machinima (machine cinema o machine animation), di installazioni o di pittura, Federica sceglie come punto di partenza quei luoghi della realtà virtuale che le offrono la possibilità di procedere per traduzioni, sia quando si affida alle tecnologie più avanzate sia invece quando torna su luoghi ormai di archeologia virtuale (che per lei hanno un’aura di splendore e decadenza), come Second Life dove vive il suo avatar Foxy ispiratore dell’omonima serie di dipinti.

E’ soprattutto in pittura, come nei grandi dipinti esposti in mostra, che si manifesta chiaramente il lavoro di traduzione e traslazione dalla superficie digitale alla tela, cioè dalle piattaforme virtuali dove le sue storie e i suoi personaggi concretamente nascono alla superficie reale della tela dove invece le immagini assumono un valore ideale e dunque paradossalmente virtuale in quanto universale. I luoghi privati dell’artista non solo vengono condivisi e resi pubblici ma attraverso il massimo dell’affidamento individuale (da parte di Federica che non esita ad esporre se stessa) lo spettatore riceve un messaggio generale da introiettare e, per l’ennesima volta, ritradurre.

Anche quando il medium è un machinima, Federica agisce per simulazione estendendo alla vita adulta e all’ambito dell’espressione artistica un immaginario adolescenziale fatto di persone reali che, attraverso il loro alter ego avatar, popolano un mondo fatto non solo di opere, ma anche di interviste, presentazioni di mostre, esposizioni di poetiche, creando una galassia di interventi e di presenze d’artista che ampliano la dimensione dell’opera d’arte oltre i confini canonici dell’oggetto bi/tridimensionale o dell’opera video. Anche in mostra, un video in diretta girato negli spazi della galleria tramite la webcam di un computer portatile con l’inserimento in scena di un elemento virtuale consente al visitatore di entrare nell’opera, questa volta realizzando il percorso inverso, vale a dire convertendo uno spazio pubblico in uno spazio privato.

Un’ulteriore modalità espressiva è affidata alle installazioni attraverso cui l’artista solitamente si esercita ad annullare l’estetica degli oggetti, stravolgendone l’utilizzo, o al contrario ad attribuire loro un’estetica quando gli oggetti non ne hanno nella loro quotidianità. E’ questo il caso dell’installazione in mostra dove due computer case vengono letteralmente svuotati della loro funzione e messi a dialogare alla ricerca di un rapporto quasi personale con il visitatore spinto a vedere altro in oggetti che normalmente sfuggono alla sua osservazione.

La mostra Federica Di Pietrantonio – my life as yours sarà visitabile negli orari di apertura della galleria The Gallery Apart a partire da martedì 9 giugno.

Immagini:
my life as yours, exhibition view at The Gallery Apart Rome, photo by Giorgio Benni
le mort sur le dancefloor, enamel on canvas, 180 x 240 cm, 2020
my life as yours, detail

Categoria:
Pittura / Digital Art / Arte Contemporanea / Installazione
Tag:
Federica Di Pietrantonio

Altre mostre